depressione e ritiro sociale

Conosci una persona che pensi possa soffrire di depressione? Come si dovrebbe trattare una persona depressa?

Sfortunatamente, aiutare una persona depressa non è così semplice come potrebbe sembrare. Sapere come comportarsi con chi è depresso, per aiutarlo con questo tipo di disturbo, è sicuramente complicato.

La ragione è che le persone depresse spesso sperimentano frustrazione, impotenza e soprattutto vivono in una distorsione della realtà.

In questo articolo vedremo cosa si può fare per essere di aiuto a una persona cara nel caso stia sviluppando, o abbia sviluppato, la depressione.

ATTENZIONE:
Se stai avendo un periodo difficile, dove hai poche energie e costanti pensieri negativi, non negarti la possibilità di contattare uno specialista che possa esserti di aiuto.

Come capire se la persona è depressa?

La depressione è una delle condizioni psicologiche più citate tra i non addetti alla salute mentale, tuttavia si tratta di una patologia molto più complessa di quanto si possa pensare. Lo stato depressivo, inteso come un abbassamento del tono dell’umore, è una delle condizioni naturali di ogni individuo, ma al tempo stesso le sue caratteristiche sono comuni nella nosografia di diversi disturbi psichici legati all’umore e all’ansia.

come aiutare un depresso

Pertanto, in assenza di una diagnosi di depressione da parte di uno psicologo o di uno psichiatra, come si può capire se un nostro caro è depresso?

Per capire se è il caso di preoccuparci, propongo qui di seguito un elenco di comportamenti che, qualora presenti, potrebbero indicarci se è il caso di fare qualcosa (e prendere contatto con uno psicologo o uno psichiatra).

Depressione, come possiamo intuirne la presenza?

Segue ora un elenco di comportamenti ed elementi utili da attenzionare, qualora fossimo preoccupati che possa esserci della depressione in un nostro caro:

  • Scarso interesse per le cose che di solito erano ritenute coinvolgenti (anedonia), come ad esempio: lo studio, il lavoro, lo sport, il sesso o gli hobby.
  • Ritiro sociale, una ridotta (o assente) vita relazionale e poche o nulle interazioni sociali con parenti, amici o conoscenti.
  • Irascibilità frequente, scatti di rabbia anche in situazioni normali o banali.
  • Visione pessimistica del futuro e della vita in generale, con difficoltà a creare obiettivi e immaginarsi nel futuro in chiave non negativa.
  • Dolori fisici di cui si lamenta spesso, come emicranie, dolori intestinali o dolori alla schiena.
  • Stanchezza e costante mancanza di energie.
  • Disturbi del sonno, sia nel senso della mancanza che di eccesso, ma anche nel mantenere l’addormentamento nelle ore notturne. Esprime molta fatica a iniziare le giornate e non di rado tende a dormire durante il giorno e resta sveglio la notte.
  • Scarsa cura di sé, sia nell’igiene personale che nella cura estetica (es. si veste con poca attenzione, indossa sempre le stesse cose, ecc.).
  • Alterazione dell’appetito, che può manifestarsi sia nel senso di scarsità che di aumento della fame.
  • Consumo di alcolici, in quantità maggiore del solito.
  • Abuso di sonniferi e antidolorifici.

ATTENZIONE:
Se stai avendo un periodo difficile, dove hai poche energie e costanti pensieri negativi, non negarti la possibilità di contattare uno specialista che possa esserti di aiuto.

Aiutare un depresso: è sufficiente il “fai da te” contro la depressione?

cosa dire a chi è depresso

La depressione non va mai sottovalutata. Quando si è in balia di tale disturbo i pensieri costantemente prodotti sono tragici, nefasti e rendono difficile alla persona trovare (e provare) gioia e leggerezza.

Si tratta di una condizione che porta alcuni a non considerare così assurdo il suicidio, visto come unica conseguenza percorribile.

Per citare Piet C. Kuiper, si sperimenta un vero e proprio “oscuramento dell’anima“. La vita viene percepita come opprimente e grigia, con giornate che si susseguono in un incessante ripetersi di frustrazione, noia e scarsità di stimoli.

In tale stato è facile perdere il senso si se stessi, facendo così spazio ad angosce, paure e dolori esistenziali. Si comprende quindi quanto la depressione non sia qualcosa che sia consigliabile gestire in autonomia.

Depressione: cosa fare e cosa non fare

Occorre sicuramente essere informati, anche sommariamente, sul cosa sia la depressione, quali sono i suoi sintomi, le cause e le modalità di cura e trattamento. Per tale motivo consultare uno specialista è sempre il miglior punto di partenza.

Ci sono poi tutta una serie di cose che andrebbero evitate, ma che spesso i bene intenzionati mettono in atto nella speranza di essere di aiuto. Vediamo qualche esempio.

Cosa si può fare con un depresso

Come si aiuta una persona depressa quando non si è un “addetto ai lavori”? Come più volte ribadito, qualora si avesse a che fare con una persona depressa, è importante incoraggiarla a consultare uno psicologo professionista per intraprendere un trattamento immediato.

Inoltre, sarebbe utile considerare gli spunti che seguono:

  • Parlare apertamente dei vostri timori.
    La depressione altera il modo in cui viene visto il mondo, e la persona depressa molto spesso non considera, o non accetta, di soffrirne realmente. Per questo motivo, è fondamentale cercare di sottolinearle con tatto che sarebbe opportuno verificare la possibilità che possa soffrire di un disturbo che richiede attenzione psicologica.
  • Provare tenerezza e mantenere la calma.
    Avere a che fare con una persona depressa, soprattutto se è uno dei nostri affetti, può essere una grande sfida quotidiana. Vedere la tristezza negli occhi di qualcuno a cui teniamo è doloroso e potrebbe spingerci a cercare di produrre qualche reazione, pensando erroneamente che si sia scelto di essere depressi e che pertanto sia sufficiente “farsene una ragione e andare avanti“. Chiaramente non è così: la depressione, quando non è reattiva ad un evento recente, è uno stato molto strutturato e complesso, non legato alla volontà della persona.
  • Avere una visione di insieme più ampia possibile.
    La depressione sottrae energie alla persona, che proverà fatica a fare qualsiasi cosa. Inoltre, la grande frustrazione che il depresso prova costantemente contribuisce a instaurare un atteggiamento irascibile e scontroso. Rabbia che viene indirizzata verso chi gli è vicino. Va anche tenuto a mente che la depressione si accompagna a sentimenti di odio verso se stessi, condizione che riduce la capacità di entrare in empatia e che non aiuta a riconoscere la gravità delle parole o dei gesti rivolti agli altri. Bisogna quindi tenere a mente che tali comportamenti sono conseguenza del disturbo, non della reale volontà della persona.
  • Incoraggiate le uscite e le attività sociali.
    Far capire alla persona depressa che “non è sola” rappresenta un utile ausilio che può motivarla verso la possibilità di avere (e quindi meritare) un aiuto competente da parte di uno psicologo. Passeggiare assieme in un parco, prendere qualcosa al bar o coltivare hobby e interessi comuni, rappresentano tutte delle valide iniziative che aiutano la persona depressa a parlare e a condividere i propri sentimenti e i propri stati emotivi.
  • Imparate ad ascoltare senza giudicare.
    Quando siamo in presenza di una persona depressa è fondamentale l’ascolto. Dare loro la dimostrazione pratica che la loro storia merita di essere ascoltata potrebbe facilitargli la decisione di intraprendere un percorso psicologico. Asteniamoci da giudizi e paragoni.
  • Non trattenete le vostre lodi e i vostri complimenti.
    Complimentarsi dei piccoli e dei grandi successi è particolarmente utile. Chi è depresso ha la tendenza a sentirsi in colpa e frustrato, poiché tale condizione patologica compromette la produttività e il senso di efficacia. Sottolineare positivamente anche i “piccoli” traguardi, come il riuscire ad attenersi a una sana routine quotidiana, rappresenta una salutare “aria fresca” per chi è depresso.
  • Non sottovalutate il pericolo.
    La depressione, va detto chiaramente, è uno stato pericoloso per la vita stessa. E’ importante non sottovalutare mai i suoi segnali e attivarsi subito nel caso siano presenti pensieri o comportamenti suicidari.

ATTENZIONE:
Se stai avendo un periodo difficile, dove hai poche energie e costanti pensieri negativi, non negarti la possibilità di contattare uno specialista che possa esserti di aiuto.

Cosa non fare con un depresso

Abbiamo appena considerato alcune delle cose che sarebbe opportuno fare nell’interazione con una persona depressa. Ora vediamo cosa non andrebbe fatto.

1. Evitare i pregiudizi sulla depressione

Pregiudizio 1: “La depressione ce l’hanno in tanti, non si tratta di un disturbo serio“.
La realtà è che la depressione è un disturbo serio, dal quale quasi mai si riesce a venire fuori autonomamente. Si tratta spesso di un dolore silenzioso e il rischio di autolesionismo e di suicidio non vanno mai sottovalutati.

Pregiudizio 2: “Col tempo tutto passa e il problema si risolverà da solo“.
Su questo pregiudizio si potrebbero spendere fiumi di parole, ma basti sapere che, semplicemente, le cose non funzionano in questo modo. Il depresso necessita di un lavoro psicologico sulla sua persona, che tenga conto del suo passato e del suo presente, in un raccordo che lo aiuti a trovare un modo nuovo di vedere se stesso, la sua storia personale e, quindi, la sua vita. In assenza di trattamento psicologico competente la depressione tenderà a cronicizzarsi.

Pregiudizio 3: “Basta solo una spalla amica, posso guarirlo io!“.
Sebbene si possa essere spinti dai migliori intenti, occorre accettare che lo stato depressivo è qualcosa che va al di là della competenza di un amico o di un parente. In quanto tale, un buon amico potrà invece contribuire a convincere la persona a intraprendere un percorso psicologico/psicoterapeutico.

2. Evitare di entrare in simmetria con la persona depressa

trattamento della depressione
Anche se ognuno di noi può cercare di essere di aiuto e sostegno, il trattamento della depressione deve essere lasciato agli specialisti della salute mentale.

Essere in contatto con una persona depressa richiede particolare equilibrio personale e lucidità. Molto spesso, triste a dirsi, le dinamiche relazionali tendono invece a irrigidirsi su posizioni di scontro.

Da un lato si potrebbe cercare di stimolare una reazione attraverso il senso di colpa (es. “non capisci che anche gli altri sono infelici?” o “quando fai così mi fai stare male!“), dall’altro lato il depresso potrebbe reagire in modo rabbioso, anche a causa della frustrazione di cui abbiamo parlato poco sopra.

Queste e altre dinamiche tendono a divenire recursive, ripetitive, e producono in tutte le persone coinvolte dei comportamenti inconsapevoli e altamente disfunzionali, quando non addirittura distruttivi.

E’ molto probabile che, se stai leggendo questo articolo, provieni da anni di tentate soluzioni che si sono rivelate infruttuose nel rapporto con una persona depressa. Ma va ribadito, ancora una volta, che il trattamento la depressione è una questione complessa, che prevede l’evitamento di pericolose triangolazioni e necessita della competenza neutrale di un professionista della salute mentale.

Trattamento della depressione

Una volta che lo psicologo, o lo psichiatra, ha avuto modo di identificare la situazione, magari arrivando anche ad una diagnosi specifica, verrà impostato un piano di intervento terapeutico. L’intervento potrà essere di tipo “integrato”, ovvero includere un supporto farmacologico che agirà sui sintomi depressivi, ma in ogni caso non si dovrà intendere come sostituivo alla psicoterapia.

Il percorso terapeutico individuale da effettuare con uno psicologo, nei casi in cui i sintomi depressivi fossero eccessivamente intrusivi, potrà essere svolto e vissuto con maggiore efficacia grazie al contenimento offerto dagli antidepressivi e dagli stabilizzatori dell’umore. Questi farmaci dovrebbero essere prescritti, se possibile, da uno psichiatra.

ATTENZIONE:
Se stai avendo un periodo difficile, dove hai poche energie e costanti pensieri negativi, non negarti la possibilità di contattare uno specialista che possa esserti di aiuto.


Crediti immagini: wirestock, rawpixel.com, karlyukav